Cosa serve e come scattare foto alle stelle

Scattare foto del cielo stellato non è molto difficile se si possiedono gli strumenti adeguati ma per ottenere risultati soddisfacenti, bisogna anche conoscere i fondamenti di questa tecnica. Segui i miei consigli e riuscirai ad imparare in pochi minuti come scattare foto alle stelle ed ottenere foto anche migliori di quella presente qua sotto.

eruzione etna 25 maggio 2016 barbagallo-8

Per ottenere una foto come questa inserita nell’articolo (scattata da me) bisogna innanzitutto possedere questa strumentazione:

Fotocamera reflex meglio se digitale: bisognerà scattare in modalità M (manuale) disabilitando tutto gli automatismi della fotocamera per ottenere i migliori risultati. Io ho utilizzato una Canon 70d.
Ottica sotto i 35mm: l’ideale sarebbe un ultragrandangolare attorno ai 10-20mm (io ho utilizzato un Canon 10-18 mm). Se siete sopra i 35mm i risultati non saranno quelli desiderati.  I classici 18-55 che vendono in kit con la reflex vanno anche bene, ma  se riusciamo a rimanere sotto i 20 mm va bene lo stesso.
Una location molto distante dal centro urbano. Io abito in Sicilia, in provincia di Catania e sono andata sull’Etna per scattare questa foto. Altitudine circa 1700 metri lontano dalle luci della città e dai riflessi.
Un treppiedi molto stabile, se non lo avete è inutile andare ad avventurarsi. Io ho un Manfrotto acquistato per un’ottantina di euro. Il treppiedi è indispensabile.
un cavo per lo scatto remoto oppure un telecomando a distanza. Se non riuscite a procurarne uno potete utilizzare la funzione autoscatto impostandola a 10 secondi. Sarà quindi una specie di telecomando a distanza rudimentale che permetterà alla fotocamera di essere immobile nel momento in cui inizierà a catturare le immagini.

Come configurare la macchina fotografica

Impostare su M
Disabilitare la messa a fuoco automatica
Impostare bilanciamento del bianco su Tungsteno (se la vostra macchina possiede questa opzione)
Scegliere RAW come qualità foto
Disabilitare la riduzione del rumore
Alzare ISO per la nostra prima prova a 1600
Impostare tempo di scatto su 30 secondi (variabile in base alle condizioni di luce). Per ottenere i risultati migliori dobbiamo applicare la regola del 600. Dividete la lunghezza della vostra focale per 600 per ottenere il tempo massimo di scatto (ad esempio 10mm/600= 60 secondi di esposizione). Serve per evitare di vedere le stelle come scie luminose.
– Aprire il diaframma per far entrare quanta più luce possibile nell’obiettivo, quindi dobbiamo scegliere il valore di f più piccolo che la nostra ottica ci consente di impostare, ad esempio f/2.8 o nel mio caso f/4.0. E’ quel valore che troviamo se guardiamo bene sul barilotto della nostra ottica.
– Impostiamo lo scatto ritardato per ridurre al minimo le vibrazioni, anche quando utilizziamo lo scatto a distanza.

Adesso non resta che scattare e provare e riprovare!

Per consigli e altre informazione scrivete pure nei commenti. Se volete potete anche postare le foto realizzate.

 

Diffondi questo contenutoShare on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Share on Tumblr
Tumblr
0Print this page
Print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

1.489 Commenti di spam bloccati finora da Spam Free Wordpress

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>